Logistica inversa, cos’è?

La logistica inversa è una componente essenziale della gestione della supply chain. Comprende tutti i processi legati al prodotto, come la restituzione, il riciclo, il riutilizzo e lo smaltimento dei rifiuti. Integrando la funzione logistica standard di un’azienda, la logistica inversa diventa uno strumento integrale per gestire efficacemente la catena strategica tra i materiali e le informazioni offerte in questo servizio.

In cosa consiste esattamente la logistica inversa?

È un processo completo che comprende la pianificazione, l’installazione e il controllo del flusso di materie prime, inventario di processo e prodotti finiti da un punto di utilizzo, lavorazione o distribuzione a un punto di recupero o di corretto smaltimento. In sostanza, la logistica inversa è definita come il trasporto di beni da una destinazione a un’altra allo scopo di ottenere un valore che altrimenti non sarebbe disponibile.

All’interno della catena di fornitura

La logistica inversa si occupa di tutte le attività legate alla movimentazione dei materiali da un punto di origine o di raccolta al consumatore. Questo processo prevede il trattamento di materie prime, prodotti finiti, imballaggi, contenitori e altri tipi di rifiuti. In questo contesto, i materiali vengono riutilizzati o smaltiti a seconda delle necessità, creando così un processo che genera valore e utilità.

In questo senso, la logistica inversa si occupa della gestione dei resi dei prodotti e mira a ridurre al minimo gli sprechi. L’ottimizzazione dei processi di restituzione della logistica inversa contribuisce a ridurre l’impatto ambientale e i costi associati. La gestione dei rifiuti e la gestione delle merci restituite sono aspetti fondamentali che vengono integrati nella strategia di logistica inversa.

Inoltre, i diversi tipi di logistica inversa tengono conto dei punti di consumo e della durata di conservazione dei prodotti. In breve, la logistica inversa svolge un ruolo cruciale nella gestione della supply chain, assicurando una gestione efficiente e sostenibile di materiali e prodotti durante il loro ciclo di vita.

Diagramma logistico produttore-consumatore con frecce arancioni

Obiettivi fondamentali della logistica inversa

  • Restituzioni: In questa sezione si discute la politica di restituzione di un’azienda. È qui che entra in gioco la logistica inversa, che deve tenere conto di aspetti come la velocità e la qualità del servizio.
  • Attenzione all’ambiente: Il deterioramento del pianeta rende le persone sempre più consapevoli della necessità di riutilizzare i materiali per rendere l’economia più sostenibile.
  • Economia: grazie al riutilizzo dei materiali, esiste un nuovo modo di ottenere produttività, in quanto le materie prime vengono riciclate e incorporate in nuovi processi produttivi.
  • Migliori relazioni con i clienti e i fornitori

Ambiente e logistica inversa

Al giorno d’oggi, la società è sempre più consapevole della necessità di prendersi cura dell’ambiente, quindi uno degli aspetti da tenere in considerazione è il riciclo e il riutilizzo dei materiali o dei rifiuti. In quest’ottica, possiamo ridurre l’inquinamento e prenderci cura delle risorse naturali dando ai prodotti restituiti un’altra vita utile.

Le aziende spesso promuovono l’attenzione all’ambiente nei seguenti modi:

  • Un comportamento responsabile influenza positivamente le azioni di sicurezza di un’azienda.
  • I clienti richiedono sempre più spesso prodotti responsabili dal punto di vista ambientale.
  • Le amministrazioni pubbliche promuovono il rispetto dell’ambiente attuando misure preventive a livello locale, statale e nazionale.

Inoltre, la logistica inversa svolge un ruolo cruciale nella gestione ambientale, occupandosi della riduzione dell’impatto ambientale e della gestione dei prodotti restituiti. Questa strategia contribuisce a ridurre al minimo l’impatto ambientale e a gestire in modo efficiente i vecchi prodotti che vengono restituiti, integrando così pratiche sostenibili nella catena di fornitura.

Possibili limiti della logistica inversa

Esistono limiti strategici che possono rallentare la logistica inversa, come la progettazione dei prodotti basata sul riciclaggio e la gestione degli imballaggi.

Design per il riciclo

Il design dei prodotti è incentrato sul profitto e sull’attenzione all’ambiente.

Linee guida per la progettazione:

  1. Semplificare i materiali: se si riduce la varietà dei materiali, cioè se ci si concentra solo su alcuni, si semplifica il processo di riciclaggio. (Ad esempio: plastica, vetro…).
  2. Etichettatura dei materiali: la materia prima del prodotto deve essere identificata, in quanto è essenziale per il corretto percorso di riciclaggio. Esiste un’etichettatura consolidata.
  3. Facilità di disfacimento: applicando questo tipo di sviluppo al prodotto, si offre all’azienda una svolta quando si tratta di rompere un prodotto, con conseguente risparmio di costi e tempi di gestione.

Logistica degli imballaggi

Il design dell’imballaggio deve essere ottimizzato anche per la logistica inversa.

Caratteristiche dell’imballaggio

  1. Etichettatura: contribuisce a garantire la conoscenza della materia prima contenuta nell’imballaggio.
  2. Riciclato: anche questo deve essere indicato sull’etichetta di cui sopra. Dovrebbe indicare se il prodotto è vulnerabile al riciclaggio.
  3. Riutilizzo: esistono imballaggi che possono essere riutilizzati, ad esempio borse di plastica riutilizzabili rispetto a borse di tessuto non riutilizzabili.
  4. Restituzione: in questo caso, l’imballaggio viene restituito al produttore, cioè viene riutilizzato senza alcun processo di trasformazione. In passato i contenitori di vetro erano riciclabili, ma oggi sono riciclati.

Le 3R: Riutilizzare, riciclare e ridurre

Qualsiasi commercio è causa di rifiuti, ma a causa del boom dei consumi imposto dall’economia di mercato, le società odierne generano ancora più rifiuti di prima.

Per questo motivo viene utilizzata la regola delle tre R, che considera tre elementi per ridurre l’impatto dei rifiuti sull’ambiente.

  • Riutilizzare: considerare la possibilità di utilizzare più volte oggetti come contenitori e imballaggi per sfruttarne la facilità d’uso e la durata.
  • Riciclaggio: si tende a utilizzare prodotti e/o materiali sensibili al riutilizzo e che possono essere incorporati in processi produttivi futuri.
  • Riduzione: concentra lo spreco (perdita) di materiali su quelli il cui recupero e riciclo non è possibile. La loro riduzione comporta una riduzione dei costi ambientali ed economici.

Simbolo di riciclaggio a forma di cuore di colore verde

Perché scegliere la logistica inversa?

Come abbiamo detto in precedenza, la crescita della logistica inversa è dovuta all’importanza delle preoccupazioni ambientali. I consumatori sono sempre più consapevoli della necessità di prodotti e servizi migliori.

Vantaggi

  • Migliorare la felicità dei clienti
  • Riduce l’impatto ambientale
  • Immagine focalizzata del marchio
  • Risparmio sui costi delle materie prime
  • Fedeltà del cliente
  • Servizio clienti più competitivo
  • Riduzione dei costi
  • Genera una nuova fonte di profitti

L’obiettivo di qualsiasi strategia logistica è quello di fornire un livello ottimale di soddisfazione del cliente e di controllare i costi end-to-end della catena di consegna.

Volete conoscere l’importo della vostra spedizione in meno di un minuto?

Calcola il tuo bilancio

Empresa de transportes Transvolando
4.8
Basato su 292 recensioni
powered by Google
js_loader
SELEZIONA UNA CATEGORIA
Torna in alto
Hola🧑🏾‍✈️ ¿Te podemos ayudar en algo?