TRASPORTO MERCI PERICOLOSE ADR

La tua azienda ha bisogno del trasporto di merci pericolose su base regolare o occasionale?

Vuoi spedire diversi tipi di merci pericolose?

Vorresti avere la nostra consulenza per il trasferimento della tua merce in modo sicuro e legale?

En Transvolando Abbiamo una vasta esperienza nel trasporto di merci pericolose. Siamo estremamente rigorosi con i protocolli per mantenere la sicurezza della vostra spedizione e la salute dei nostri dipendenti.

SELEZIONA UNA CATEGORIA

COSA SONO LE MERCI PERICOLOSE?

Sono quei beni che, nel loro processo di produzione, manipolazione, stoccaggio, spostamento o allo stato naturale, possono emanare gas o vapori dannosi per la salute o infiammarsi facilmente.

Quali tipi di merci pericolose esistono?

Il gruppo di esperti dell'ONU classifica e costituisce il documento da cui scaturiscono le normative vigenti che regolano il trasporto di merci pericolose su strada sia a livello nazionale che internazionale.

In base ai requisiti per il loro trasporto, si distingue tra merci pericolose limitate, che sono esplicitamente nominate e richiedono un'autorizzazione espressa, e merci non limitative, che ne consentono il trasporto per gruppi generali. Secondo classi di merci pericolose , la categorizzazione stabilita è la seguente:

Classe 1. Materiali e oggetti esplosivi

Comprende le merci più pericolose, non solo gli esplosivi stessi, ma tutti quelli che in determinate condizioni possono provocare esplosioni e persino incendi, sia per esposizione ad alte temperature, sia per attrito o altre circostanze che possono modificarne la natura chimica. Dato il suo alto rischio, il trasporto di questo tipo è specificamente regolamentato. All'interno di questo gruppo ci sono materiali pirotecnici, come razzi e petardi.

Classe 2. Gas

Questa tipologia comprende un variegato gruppo di sostanze con rischi molto diversi, come tossicità o infiammabilità, ma che presentano caratteristiche gassose specifiche in determinate condizioni. Di questo tipo sono gas compressi, come azoto e ossigeno, gas liquefatti, come butano o propano, cartucce di gas pressurizzati, come aerosol, ecc.

Classe 3. Liquidi infiammabili

Sono un tipo di liquido che, a contatto con una fiamma o fuoco ad alta temperatura, può prendere fuoco. Questa categoria comprende combustibili liquidi, come benzina o diesel, nonché alcol, vernici, ecc.

Classe 4.1. solidi infiammabili

Sono sostanze allo stato solido che sotto l'influenza del calore possono bruciare o fare scintille. Alcuni possono anche generare gas tossici nella loro combustione. In questo gruppo troviamo legno, celluloide, composti del fosforo, ecc.

Classe 4.2. Sostanze suscettibili di accensione spontanea

Questa categoria comprende quei prodotti che possono accendersi spontaneamente a contatto con l'aria in piccole quantità, oppure non accendersi, ma subiscono riscaldamento. Di questo tipo sono i tessuti di fosforo bianco, grassi e oleosi, ecc.

Classe 4.3. Sostanze che, a contatto con l'acqua, sprigionano gas infiammabili

Qui troviamo materiali che reagiscono con l'acqua sprigionando gas infiammabili che, a contatto con l'aria, possono provocare esplosioni. Qui troviamo sostanze come idruri metallici, sodio, potassio, ecc.

Classe 5.1. Sostanze ossidanti o comburenti

Sono materiali che di per sé non sono combustibili ma che, rilasciando ossigeno, provocano la combustione di altri. Ad esempio, perossidi di idrogeno stabilizzati, cloriti, percarbonati, ecc.

Classe 5.2. perossidi organici

Sono materiali come gli ossidanti ma, essendo più instabili, hanno una maggiore probabilità di combustione, oltre ad essere combustibili.

Classe 6.1. Materiali tossici

Questo tipo contiene un'ampia varietà di sostanze che chimicamente non hanno molto in comune, ma tutte sono caratterizzate da un alto grado di tossicità per l'uomo, l'ambiente o gli animali. Esempi di questa categoria sono i cianuri, i composti dell'arsenico, ecc.

Classe 6.2. materiali infettivi

Sono quelli che contengono agenti patogeni che causano malattie sia negli animali che nell'uomo. Qui includiamo microrganismi, come virus e batteri, ecc.

Classe 7. Materiali radioattivi

Questi materiali emettono determinate particelle e radiazioni che causano danni al tessuto cellulare. Qui abbiamo combustibili nucleari, isotopi radioattivi, ecc.

Classe 8. Materiali corrosivi

Per la loro composizione, a contatto provocano danni alla pelle e alle mucose e, in caso di perdita, possono danneggiare gli elementi con cui vengono a contatto. Rientrano in questa categoria acidi e sali corrosivi.

Classe 9. Sostanze e altri oggetti pericolosi

Durante il loro trasporto possono porre pericoli diversi da quelli contemplati nelle tipologie precedenti.

Ultima classe: Rifiuti tossici e pericolosi

In quest'ultima categoria includiamo tutti quei contenitori che hanno contenuto una qualsiasi delle sostanze descritte nei paragrafi precedenti. Anche il suo trasporto deve essere specificamente regolamentato per evitare danni.

Chi regola il trasporto di merci pericolose?

In primo luogo, è il MITMA, che sancisce le norme che regolano il trasporto di merci pericolose, a disciplinare questo tipo di trasporto, come possiamo verificare nel regio decreto 97/2014, del 14 febbraio, pubblicato nella BOE. Esistono diverse organizzazioni come ADR (European Agreement Relating to the International Carriage of Dangerous Goods by Road), RID per il trasporto internazionale di merci pericolose su rotaia, IMDG (International Maritime Dangerous Goods) si applica al trasporto marittimo internazionale o ICAO per il trasporto internazionale per via aerea.

In ogni caso, l'impresa di trasporto e il conducente di un veicolo che trasporta merci pericolose devono essere informati delle diverse normative sui carichi di merci pericolose.

Quali dati devono contenere la lettera di vettura che accompagna un trasporto di merce pericolosa?

Nell'effettuare un trasporto di questo tipo bisogna tenere in considerazione la documentazione di trasporto merci pericolose e le etichette di pericolo ADR.

1- Numero ONU che deve essere preceduto dalle lettere “UN”.

2- Nome ufficiale di spedizione e fascicolo tecnico.

3- I numeri di modello dell'etichetta devono essere indicati. Per i materiali esplosivi è necessario indicare anche il codice di classificazione e le etichette di rischio. Per quanto riguarda i materiali radioattivi, la classe numero “7”. Per il litio, i numeri ONU 3090, 3091, 3480 e 3481 il numero di classe "9".

4- Gruppo di imballaggio “GE”

5- Il numero dei colli e la descrizione.

6- Importo totale di ciascuna merce pericolosa insieme al numero ONU.

7- Nome e indirizzo dell'emittente/i.

8- Il nome e l'indirizzo del destinatario.

9- Dichiarazione conforme alle disposizioni di ogni singola pattuizione.

10- Ove applicabile, il codice di restrizione della galleria deve apparire anche in maiuscolo.

Transvolando Ha le garanzie del compagnie di trasporto merci peligrosas offrendo soluzioni e sicurezza per i nostri clienti

COME POSSIAMO AIUTARTI?

Ho bisogno di un preventivo su menu di 5 minuti

Vorrei parlare con te per risolvere alcuni dubbi

Possiamo aiutarti con qualcosa?